Category

Naples

“Non è il momento delle polemiche”. Quante volte abbiamo sentito, letto o pronunciato questa frase? Tra “radio-Coronavirus” in onda 18 di ogni santo giorno dalla sede della Protezione civile e le canzoni dai balconi che invitano a riscoprirci fratelli d’Italia, in pochi hanno sollevato accuse. Invece, inaspettata, è arrivata la polemica tra scienziati. Milano contro Napoli, per sintesi brutale. Il Nord geloso del talento meridionale, per capirci. Il professore Massimo Galli, responsabile di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, non ha ritenuto di esimersi dall’aizzare un’invettva in diretta tv nell’ultima puntata di ‘Carta bianca’ il programma condotto da Bianca Berlinguer. “Non facciamoci sempre riconoscere. La sperimentazione del Tocilizumab era già in atto da tempo in Cina e il primo ad usarlo qui è stato il dottor Rizzi a Bergamo. Prendetevi pure i meriti ma non fate quelli che tolgono a Cesare quel che è di Cesare e ai cinesi quel che è dei cinesi. Hanno cominciato loro e li abbiamo seguiti noi, stop!”, l’uscita di Galli dinanzi alla domanda sulla sperimentazione del farmaco all’Istituto Tumori Pascale di Napoli. “Il protocollo approvato dall’Aifa è vostro, peccato però che lo stesso protocollo era già applicato da tempo in almeno dodici ospedali. Il provincialismo è intollerabile”, ha aggiunto rivolgendosi  al professore Paolo Ascierto, direttore della Struttura Complessa Melanoma e Terapie Innovative dell’istituto dei tumori Pascale di Napoli.

I DUBBI

Un attacco virulento. Scomposto, ma portatore di una notizia finora ignota. Già a Bergamo avevano provato a curare gli effetti del Coronavirus sui pazienti. E perché mai non è stato resto noto al mondo scientifico? Forse non ha avuto i risultati sperati o è stato somministrato tardi rispetto all’emergenza? Domande legittime, considerando che invece è grazie al team di cui fa parte il meritevole Ascierto – uomo mite, con radici anche al Nord avendo un fratello a Padova – se l’Agenzia del Farmaco ha autorizzato il protocollo. Un immunologo partenopeo, molto apprezzato nella comunità di esperti, pur preferendo non essere citato proprio per non entrare nell’odiosa disputa, svela al Quotidiano del Sud: “Queste sterili rivendicazioni sul primato delle osservazioni riguardo il Tocilizumab rischiano di offuscare il messaggio fondamentale che invece dobbiamo lanciare in questi giorni: l’anti-IL6 (l’interleuchina, ndr) ha un preciso razionale per l’impiego nella infezione da Sars-CoV-2, ovvero la capacità di ridimensionare repentinamente l’eccessiva risposta infiammatoria che caratterizza alcuni pazienti”. Un dato di fatto da cui partire per intravedere una speranza, consapevoli che non è la cura per il Coronavirus. “Sarà un’arma in più, ma attenzione – mette in guardia l’immunologo – andrà utilizzata scegliendo accuratamente i pazienti che possono beneficiarne”. Un dettaglio non indifferente, perché forse non l’uso in Lombardia non è stato appropriato. Anche altri farmaci come la clorochina anti-malria o il Redmesivir  anti-Ebola stando dando buoni esiti. Insomma, ci sono tentativi in atto.

L’APPELLO

Invece, Galli in pochi minuti televisivi ha voluto far diventare gli italiani chiusi in casa spettatori di un ring in cui uno sferrava i colpi con rabbia malcelata e l’altro li parava con signorilità. Tanto è vero che Ascierto sui social ha voluto precisare: “Il lavoro di brainstorming fatto con il dottor Franco Buonaguro e le giovani oncologhe Claudia Trojaniello e Maria Grazia Vitale, la discussione “cruciale” fatta con il dottor Ming, la professionalità dei dottori Montesarchio, Punzi, Parrella, Fraganza e Atripaldi dell’Ospedale dei Colli, il supporto dei nostri Direttori Generali Bianchi e Di Mauro e del nostro Direttore Scientifico Dr Botti, sono tutti elementi che sabato 7 marzo ci hanno portato ad incominciare a trattare i primi pazienti al Cotugno di Napoli. Non ci risulta che qualcuno lo stesse facendo in contemporanea e saperlo ci avrebbe peraltro aiutato”. In questa fase, ha aggiunto, “non è importante il primato, in pochi giorni siamo stati in grado di scrivere una bozza di protocollo per Aifa che ha avuto un riscontro positivo”. La parola magica è “tutti”. Senza tifo. Senza il Nord geloso. Ci sono morti da contare e tante vite da salvare. DI CARLO PORCARO SU IL QUOTIDIANO DEL SUD 19/03/2020

 

 

Parola d’ordine per San Valentino è romanticismo. La festa degli innamorati di HappyNing, per questo 2020 sarà vivibile in una città da favola: Napoli.

Location dell’evento è lo Starhotels Terminus, importante catena alberghiera a 4 stelle, che grazie alla sua strategica posizione è sicuramente meta favorita da chi vuole avere a portata di mano, gli accessi alla città per godersela nel giorno più romantico dell’anno. In piena sintonia con quello che è la filosofia aziendale di HappyNing (finto inglesismo, che richiama le parole happyness e happening), l’esperienza di San Valentino vedrà come protagonista per la coppia la cena, un’elegante terrazza alle pendici del Vesuvio, musica ed intrattenimento con un ospite a sorpresa del cast de L’Amica Geniale… in una notte sola.

LA CENA – Dal punto di vista del food, l’evento prevede un welcome drink, seguito da una cena esclusiva con antipasto, due primi, secondo, e dessert. La cena prevede la possibilità (a discrezione di chi vorrà usufruirne) di far trovare sul tavolo un regalo a scelta per il proprio partner.

LO SPETTACOLO – Prima della cena il Maestro Andrea De Vivo, accoglierà gli ospiti con musica dal vivo eseguita al pianoforte in terrazza. Durante la cena, prosegue l’intrattenimento a cura del Maestro De Vivo, accompagnato dalla cantante Federica Cardone con brani dal vivo ispirati alle colonne sonore di più celebri film d’amore. Ad intervallare i momenti musicali, le scene recitate che sposano a pieno le serie ambientate in questa città, ultimamente sempre protagonista di storie e racconti per il cinema e la televisione. Una tra tante serie, L’Amica Geniale, dalla quale arriverà un ospite d’eccezione dal cast, che accompagnerà in versi la serata.

E così, passeggiando tra i racconti per raccontare l’amore attraverso Napoli e Napoli attraverso il cinema, con i suoi volti che hanno fatto sognare come Totò, Sofia Loren, Massimo Troisi. Con musica e parole i film d’amore più celebri, intervallati da momenti recitati e scene tratte da film per trasmettere a livello emozionale forti sensazioni.

ALTRI MOMENTI DELLA SERATA – Saranno realizzate, durante la serata, foto in HD inviate direttamente sullo smartphone degli ospiti in tempo reale. Inoltre, durante la cena è possibile scegliere tra i cadeaux messi a disposizione dell’organzzazione come servizi Extra: un mazzo di fiori, una scatola di cioccolatini, un orsacchiotto realizzato con rose rosse o in altri colori.

Oltre a questo, la possibilità di dormire in camera Superior e Deluxe a tariffe scontate.

DETTAGLI EVENTO – La cena di San Valentino si terrà il 14/02/2020 sulla splendida terrazza dello Starhotels Terminus di Napoli (Piazza Giuseppe Garibaldi, 91).

Prenotazioni telefoniche: 3317002461
Prenotazioni online: https://www.happyning-italia.it/project/cena-di-san-valentino/

Markett Movie porterà le stelle del cinema all’Hub, sabato 25 gennaio ore 23:30, con ingresso gratuito entro le 00:30 ed omaggio donna valido entro le 01:30 (Compilando il modulo online – clicca qui >https://www.markett.it/guestlist/) in via Appia a S. Antimo (Na) e farà impazzire il pubblico che ogni week end viaggia a 100 all’ora grazie agli appuntamenti, di grande successo, del Partylines.

Dopo il Golden Globe e prima della 70^ edizione del Festival del Cinema di Berlino e, soprattutto, aspettando la prestigiosissima cerimonia che assegnerà gli Oscar 2020, il MARKETT delle emozioni e sensazioni uniche regalerà al pubblico partenopeo e campano un “party stellare”.

Reduce dall’enorme successo riscosso nelle Marche al Donoma Club, il party culto della night life questa volta farà incontrare i suoi affezionati clubbers con i miti incontrastati della cinematografia.

Performance di attori famosi ed esibizioni live delle icone del grande schermo, che hanno fatto sognare intere generazioni, incontreranno colonne sonore immortali, per una serata da Oscar.

“Questa volta mettiamo in vetrina il pubblico assieme ai miti del cinema, che dopo quelli della cultura pop faranno divertire i clubbers dell’HUB, ormai punto di riferimento del by night partenopeo e campano.

Tante le sorprese per questa serata, ma non dico altro perché…basta partecipare per saperne di più.” – spiega Gio Setola, art director di successo e padre di questo e tanti altri format.

Ad animare la serata sotto le colonne sonore del miglior cinema di sempre saranno in consolle: Mya, Joseph Romano, Andrea Carleo e l’immancabile vocalist: Christian Key

Venerdì 24 gennaio alle ore 21, con replica sabato 25 allo stesso orario e domenica 26 alle ore 18, la grande attrice napoletana Nunzia Schiano sarà in scena al Teatro Sancarluccio di Napoli. Lo spettacolo che la vedrà protagonista è “Femmene” – testi di Myriam Lattanzio e tratti da “Nostra Signora dei friarielli” di Anna Mazza – insieme a Myriam Lattanzio. Francesco Ponzo sarà alla chitarra mentre Roberto Giangrande al contrabbasso. La regia è affidata a Niko Mucci.

Con Fèmmene si entra in una galleria umana, una serie di ritratti femminili, di voci di donne: ognuna di esse rappresenta una tessera di quel mosaico complesso ed affascinante che è l’animo umano femminile. Donne rappresentate nella loro forza e nella loro fragilità insieme. Tableau vivant dove troveranno spazio una mater dolorosa che darà vita ad una nuova Pietà, una ragazza che vive, aldilà della sua condizione femminile, la sensazione di guardare il mondo reale attraverso il finestrino di una metropolitana che, nonostante la fermata, non le consentirà mai di “scendere” nel mondo reale che forse tanto reale non è. Donne violentate nel corpo e nell’anima. E una madre, nume tutelare del focolare domestico che alle prese con i “friarielli”, sorta di totem familiare e allo stesso tempo “tela di Penelope” che non avrà mai fine, affronta i turbamenti dell’equilibrio familiare che le provengono dall’interno. Alla fine omaggio a grandi interpreti e autrici latino-americane (Chavela Vargas, Mercedes Sosa, Violeta Parra, Consuelo Velasquèz).

 Da associazione non riconosciuta a società di mutuo soccorso. Grazie al voto favorevole dei delegati Casagit, riuniti in occasione dell’81/a assemblea nazionale (Roma, 11-12 dicembre), la Cassa dei giornalisti -annuncia una nota  dello stesso ente – si trasforma e guarda al mercato: è nata la Società Nazionale di Mutuo Soccorso Casagit Salute. L’assemblea ha approvato con 70 voti favorevoli e un solo astenuto lo Statuto, l’atto pubblico di trasformazione e il regolamento elettorale della nuova società.   “Quello di oggi è un passaggio storico per la Casagit. La trasformazione rilancia la sua azione e consente di tutelare meglio e più a lungo la popolazione che l’ha creata nel 1974 e mantenuta efficiente nei suoi valori fondanti in tutti questi anni”, commenta Daniele Cerrato, presidente Casagit. “Siamo al culmine di un lavoro intenso e collettivo fatto con passione e professionalità. Eppure siamo all’inizio di un percorso di crescita e consolidamento, non alla fine. Continueremo ad assistere i colleghi giornalisti come abbiamo sempre fatto, ma abbiamo la possibilità di guardare fuori per portare dentro .Così dai giornalisti nasce una mutua per tutti”, conclude Cerrato.   Il voto positivo e unito dell’Assemblea costituisce l’atto conclusivo di un lungo processo di cambiamento che, dopo 45 annidi vita come associazione non riconosciuta, permette ora di introdurre importanti novità. Innanzi tutto – spiega la nota -lo status di persona giuridica e la possibilità di offrire assistenza sanitaria anche a popolazioni diverse dai giornalisti: gruppi di professionisti, dipendenti di aziende e singoli individui. La trasformazione avrà efficacia giuridica a partire dal 1 gennaio 2020, data a partire dalla quale la Mutua Casagit Salute potrà stipulare convenzioni con altri fondi, mutue e casse. I primi 6 mesi del prossimo anno saranno utilizzati per adeguare regolamenti e piani sanitari alle nuove esigenze e prospettive.   La società nazionale di mutuo soccorso è lo strumento che permetterà a Casagit di entrare nell’ampio mercato del welfare sanitario nazionale, dandole stabilità duratura nel tempo -conclude la nota – e mettendo a frutto una lunga storia fatta di solidarietà ed esperienza, ora a disposizione anche di altre categorie produttive e dei singoli cittadini.
A rappresentare la Campania Marisa La Penna consigliera d’amministrazione, il Fiduciario Enrico Scapaticci, delegato Umberto Nardacchione e Mario Zaccaria Presidente sindaci e il funzionario casagit Mauro Fellico

È nata l’associazione Amici della Fondazione Banco di Napoli. A presiederla il magistrato Alfredo Guardiano. Tra i soci fondatori figurano liberi professionisti, professori universitari ed esponenti del mondo imprenditoriale. In programma numerose iniziative finalizzate alla promozione culturale del territorio e alla valorizzazione dell’archivio storico della Fondazione Banco di Napoli.

Secondo statuto, l’associazione opera per il perseguimento – senza scopo di lucro – di finalità culturali, civiche, solidaristiche e di utilità sociale, a sostegno e in coordinamento con le attività della Fondazione Banco di Napoli, finalizzate all’attivazione di processi generativi nelle comunità di riferimento, alla divulgazione di rilevanti contenuti culturali, storici, artistici, giuridici e scientifici, alla solidarietà sociale, alla sperimentazione culturale nonché all’innovazione sociale.

“Occorre lavorare alla ricostruzione di una prospettiva di senso per la nostra comunità attraverso la diffusione di un sapere non meramente accademico, ma fortemente proteso a cogliere e a sviluppare le istanze di rinnovamento che agitano la società. Un percorso di ricostituzione della communitas, incentrato sulla riappropriazione di significato parole-chiave come Diritto, Giustizia, Economia, Politica, Morale, Cultura, Legalità, Ambiente, Solidarietà in grado di attuare in concreto i principi della Società aperta”, ha spiegato il presidente Guardiano.

Anche per questo Natale Emergency trasforma l’affannosa ricerca del regalo perfetto nell’occasione per compiere un gesto di pace e di fratellanza, contribuendo a garantire le cure alle vittime della guerra e della povertà.

Napoli, come in altre 14 città italiane, la ong fondata da Gino Strada riapre lo “Spazio Natale”, un temporary store nel quale sarà possibile acquistare accessori e capi d’abbigliamento, libri e giocattoli, gadget e articoli di cancelleria. Tutto rigorosamente in chiave solidale.

 

IN VIA MEDINA

Lo Spazio Natale partenopeo, che ha aperto i battenti ieri, sabato 30 novembre, è un luogo accogliente nel quale il visitatore potrà non solo intrattenersi, facendosi consigliare dai volontari per il proprio regalo natalizio “fatto per bene”, ma anche esplorare, grazie ai visori a 360 gradi, alcuni dei luoghi in cui Emergency opera.

Lo Spazio Natale allestito a Palazzo Fondi resterà aperto dalle 10 alle 20 (orario continuato) fino al 24 dicembre (per la vigilia, la chiusura sarà anticipata alle 13.30).

 

IL MONDO IN UNA STANZA

Nel negozio di via Medina, gli scaffali restituiscono la varietà e la bellezza del mondo, con proposte provenienti da Afghanistan, Iraq, Cina, Ecuador, India, Indonesia, Marocco, Nepal, Pakistan, Perù, Senegal, Sri Lanka, Thailandia e da diverse regioni d’Italia. Sono circa 650, infatti, le aziende italiane che hanno donato i loro prodotti: cose buone e genuine, da condividere con amici e parenti. Tra queste, il “Panettone fatto per Bene”, realizzato in collaborazione con Le Tre Marie in occasione dei 25 anni di Emergency, i manufatti di Sulaimaniya, gli orsetti di Bamiyan e i bracciali di alluminio riciclato da ordigni bellici del Laos. Curiosando, si potranno incontrare tante storie attraverso oggetti utili e sostenibili provenienti dall’economia carceraria o dalle filiere solidali: biscotti, cioccolate, tisane, torroni, croccanti, o derivati dal riuso o riciclo, come le pochette ricavate dal riutilizzo delle nostre magliette e i gadget marchiati Emergency. Tra questi ultimi, la matita che fiorisce grazie a semi misti di erbe e fiori, la borraccia d’acciaio eco-friendly, il porta-pranzo fatto per metà in fibra di bambù e altro ancora. Come ormai da tradizione, non mancheranno gli oggetti realizzati grazie alla creatività delle nostre volontarie del gruppo Handmade.

 

PRODOTTI CAMPANI

Anche la Campania solidale, però ha voluto dare il proprio contributo: l’azienda Grania di Castello di Cisterna (Napoli) ha messo a disposizione la propria pasta “Gemme del Vesuvio”, mentre hanno donato i loro vini l’azienda vitivinicola Di Costanzo di Pastorano (Caserta) e la Società agricola Quintodecimo di Mirabella Eclano, in provincia di Avellino.

Sono doni, quelli proposti da Emergency, che valgono per tre: dietro a molti oggetti, infatti, si nascondono storie emozionanti. «Chi sceglie di comprare nello Spazio Natale fa un regalo non solo a chi lo riceverà, ma anche a qualcuno che non vede e, prima ancora, a se stesso, sapendo di aver fatto la cosa giusta», sottolinea Peppino Fiordelisi, che coordina in Campania le attività dell’associazione. Del resto, negli intenti della ong, che qui segna una presenza significativa accanto ai più deboli con gli ambulatori di Castel Volturno e Ponticellil’obiettivo dei negozi natalizi è duplice: accanto al sostegno alle attività umanitarie, c’è la promozione di una cultura di solidarietà e rispetto dei diritti umani.

 

CURE ALLE VITTIME DI GUERRA

Il ricavato degli Spazi Natale sarà destinato agli ospedali di Emergency in Afghanistan e in Iraq, dove, nonostante i rischi quotidiani, l’organizzazione continua ad offrire prestazioni mediche gratuite e di elevata qualità. Da luglio a settembre del 2019, un numero senza precedenti di vittime civili è stato ferito o ucciso in Afghanistan (1.174 morti e 3.139 feriti), mentre il nord dell’Iraq, a causa dei recenti conflitti nei territori limitrofi, è di nuovo in grave difficoltà. Presente in Afghanistan dal 1999Emergency ha curato oltre 6 milioni di persone negli ospedali di Kabul e Lashkar-gah, nel Centro di maternità di Anabah e nei posti di primo soccorso. In Iraq, invece, Emergency ha curato oltre 950.000 persone nei campi profughi del Kurdistan iracheno e nel Centro di riabilitazione e reintegrazione sociale di Sulaimaniya.

Vida Loca Winter Tour 2019-2020 sbarca a Napoli per Partylines all’HUB sabato 23 novembre alle ore 23:30, in via Appia a Sant’Antimo (Na).

Una notte caliente che farà impazzire il pubblico dell’HUB e che renderà unico il volo del Party Lines.

La One Night a base di Reggaeton, Hip Hop, Pop e Dance Hall più esclusiva d’Italia fulcro del format più ballato della penisola, arriva a Napoli, pronto ad infuocare la dance floor “por una noche mas Caliente” come si legge nell’annuncio lanciato sui social.

A far ballare il pubblico dell’HUB impreziosendo il live sarà dj Tommy Luciani accompagnato dagli speaker Christian Key e Mc VL.

L’universo Vida Loca è un mix che mette insieme pop, hip hop, r’n’b, reggaeton, che all’estero si chiama urban.

Luciano, uno dei dj producer più amati della scena elettronica mondiale, torna in Italia e sbarca per la prima volta all’ HUB Clubgiovedì 31 ottobre alle ore 23:00, in via Appia a Sant’Antimo (Na), per un Djset da non perdere che illuminerà Break, il party più alternativo, divertente e inebriante nella città di Napoli.

Dai piccoli club di Santiago ai migliori locali del mondo, Luciano vanta una carriera incredibile e un curriculum internazionale e ricco di successi.

L’HUB, dopo il successo dell’opening party, impreziosisce il proprio programma di eventi con il live del dj e produttore svizzero-cileno, che grazie al suo inconfondibile sound house, techno e minimal, arricchito da influenze melodiche di ritmi latini, farà impazzire il pubblico del club.

L’evento potrà contare anche sulla performance di IDRISS D, dj di talento e di fama internazionale, grazie al suo stile unico e alle sue vibrazioni ipnotiche.

BREAK: il party più alternativo, divertente e inebriante nella città di Napoli

Giunti al terzo anno, il party Break si fa ancora più grande.

Eclettico musicalmente e con un target cosmopolita, l’evento Break è al momento il party più alternativo, divertente e inebriante nella città di Napoli. Un collettivo di promoters che unendo la loro storicità, la passione per la musica e la voglia di creare qualcosa di eccezionalmente nuovo nella città di Napoli, hanno dato vita al movimento break.

Luciano è nato in Svizzera francese da madre Cilena e padre svizzero. Successivamente alla separazione dei genitori, all’età di 11 anni Luciano torna con la madre in Cile, a Santiago.
La sua avventura con la musica inizia all’età di 16 anni, quando la madre gli regala una chitarra, a scuola con altri ragazzi formerà una band, e sarà questa esperienza, marcata negativamente dai problemi per le prove con il gruppo, ad avvicinarlo al mondo della musica elettronica dove ai vari musicisti si sostituisce il sintetizzatore, ha infatti affermato: This is how I fell in electronic music: because I discovered that you can replace the drummer with the drum machine (Così sono arrivato alla musica elettronica: perché ho scoperto che si può sostituire al batterista la drum machine). A causa della precaria situazione economica, a 17 anni lascia la scuola, comincia a svolgere piccoli lavori, fattorino, cameriere ed altri, e questo impiego parziale gli permette di mettere dischi nei quartieri poveri di Santiago, dove viene soprannominato magic. La sua abilità gli permette di trovare posto prima in club della città, poi il suo nome si fa sempre più conosciuto, in Cile, nell’America Latina e poi in Europa. In Cile conosce di lì a poco due dj che si sono già affermati: Ricardo Villalobos e Dandy Jack. Entrambi i musicisti, hanno i genitori esiliati in Europa per motivi politici. Ed è proprio Villalobos a far approdare Luciano ai club Europei. Il suo sound è misto fra housetechno e minimal, ed è influenzato da melodici ritmi Latini. I suoi dischi escono su etichette musicali: Cadenza Records (di sua proprietà), TransmatPerlon e Klang Elektronik.

Circondato dalla musica fin dalla sua prima infanzia, Idriss si innamorò di Funk, Disco e di tutti i tipi di musica nera grazie al programma radiofonico che ascoltava e registrava ogni sera e all’enorme influenza del suo amico Nadir, un dj di Costantino.
All’inizio degli anni ’90, ha scoperto la scena del club in Algeri e in particolare Adel e Chafik, due djs che erano icone in tutto il Nord Africa con lì mixtape che giravano in tutti i paesi del Maghreb. Ed è stato Chafik a chiedere a Idriss di suonare per la prima volta, dopo il suo set al Rai Hamidou club.
Idriss arriva in Italia e apre il suo negozio di dischi iniziando a organizzare piccole feste a Mantova, dove si è rapidamente affermato tra i nuovi dj di talento e, grazie al suo stile unico e alle sue vibrazioni ipnotiche. La sua abilità e la sua perseveranza lo hanno portato a suonare in alcuni dei luoghi più famosi come Echoes, Cocoricò, Red Zone e  Mafia club.
E’ stato resident al Cocoricò di Riccione, uno dei club più grandi e famosi della scena europea, e la sua etichetta Memento ospita una festa settimanale nel prezioso club Macarena di Bareclona. Il suo tour lo ha portato in club come Tresor, Watergate e KaterBlau a Berlino, Club 4 ed El Row a Barcellona, Rex a Parigi, Norsdstern a Basilea, Amnesia Milano e Privilege Ibiza.

Al di là del suo fitto programma da dj, Idriss è riuscito a costruire in 12 anni una forte reputazione internazionale per la sua impronta Memento, firmando artisti come Carl Craig, Luciano, Ten Walls e The anals poliziotti e pubblicando musica di molti produttori sotterranei di talento come Lino Pugliese, Acirne e molti altri.

Riparte la stagione dell’Hub, il club che quest’anno punterà tutto su un elemento innovativo: la “True Connection”, e che da questo sabato, 12 ottobre ore 23:30 impreziosirà le serate degli appassionati della night life.

Hub è lo spazio che mette in contatto le anime dei clubbers attraverso una “rete” di connessioni reali, basate su rapporti umani autentici ed interessanti, capaci di portare il pubblico verso l’intrattenimento puro e sano. Strumenti catalizzatori di queste connessioni saranno gli innumerevoli eventi che prenderanno vita all’interno di uno spazio che è reduce da una stagione ricca di successi.

“Le connessioni più forti sono quelle umane, quelle vere, dato che siamo nell’era della connessione continua” – sottolineano gli organizzatori che assicurano al pubblico una stagione ricca di eventi innovativi e volti alla “connessione reale”.

Un luogo in cui le connessioni prendono vita e in cui tutti i sensi sono stimolati, un centro dove la musica diventa emozione, che prende energia dai numerosi mondi che la night life può creare. “La nostra idea – precisano gli organizzatori – è di esplorare come lo spazio fisico e le persone che lo attraversano, si influenzino a vicenda, in sintonia tra onirico e realtà.”

Valerio Granato: Sistemista Linux a Napoli, Programmatore PHP. Founder: 3d0 Srl, LiveNet Srl, AlDiQua, LiveCode. Sito in wordpress con hosting! Operazione nostalgia